Dermatologia

Presso Centro Medico INLAB è possibile eseguire:

Prestazioni:

  • Visita dermatologica per patologie quali acne, dermatiti immuno-allergiche (dermatiti da contatto, psoriasi, malattie bollose), malattie infettive a manifestazione cutanea.
  • Dermatologia Pediatrica con diagnosi e cura delle malattie dermatologiche dei bambini (per esempio cura della dermatite atopica).
  • Dermatologia Allergologica e test allergologici (prick test e patch test).
  • Valutazione clinico-dermatoscopico dei nevi.
  • Controllo dei nevi con Dermatoscopio.
  • Patologie degli annessi cutanei (unghie e capelli).

Trattamenti:

  • Chirurgia Dermatologica Ambulatoriale (asportazione con esame istologico in anestesia locale di tumori cutanei maligni e di lesioni cutanee benigne quali ad esempio cisti, verruche, lipomi) ed esecuzione di Punch Biopsie per esame istologico a scopo diagnostico.
  • Curettage, crioterapia e diatermocoagulazione (ad esempio di verruche, angiomi, molluschi contagiosi).

CHE COS’É LA DERMATOLOGIA?

La dermatologia (dal greco derma, pelle) è la branca della medicina che si occupa delle patologie a carico della pelle e degli annessi cutanei (peli, capelli, unghie, ghiandole sudoripare). La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo, ha una struttura stratificata robusta ed elastica che funge da copertura impermeabile e da protezione. La branca della medicina che studia la nostra epidermide e le patologie correlate è la dermatologia.
Non solo la cute è oggetto di interesse dello specialista dermatologo, ma anche le mucose, parti delicate di tessuto riccamente vascolarizzate e innervate che rivestono gli orifizi del corpo, quelli che dall’esterno portano all’interno: cavo orale, vagina, naso. Infine, non scordiamoci che anche le parti “cornee” – ovvero unghie e capelli – sono area di interesse della dermatologia.
Tutte le anomalie, i disturbi, le malattie o semplicemente gli inestetismi che affliggono questo organo straordinario e che ci fanno impensierire, devono portare ad una visita dermatologica di controllo, che come intuibile, mai come in questo caso si basa soprattutto sulla osservazione obiettiva. Dopo i 30 anni è sempre consigliata una visita dal dermatologo anche in assenza di sintomi per valutare la salute dei nei.

Rivolgiti al dermatologo, quando?

Per tutte le problematiche inerenti la cute e gli annessi cutanei (unghie e capelli) ma anche per il controllo periodico dei nevi e la prevenzione dei tumori cutanei è bene consultare il medico specialista dermatologo per una visita diagnostico-terapeutica.

FAQ – Domande Tipiche

L’orticaria è sempre un sintomo di tipo allergico oppure può verificarsi anche in soggetti non allergici ed essere del tutto episodica? Quali sono le cause più comuni?
Le cause di orticaria sono numerose e non solo di tipo allergico, ad esempio la reazione a certi alimenti. L’orticaria può essere successiva ad infezioni, assunzione di farmaci, fattori immunologici, fattori fisici come ad esempio il freddo, patologie concomitanti (tumori) e stress. L’orticaria può essere acuta e durare pochi giorni, oppure cronica e durare anche anni. Le cause di orticaria cronica sono difficili da riconoscere e richiedono l’intervento dello specialista, che dovrà predisporre una serie di accertamenti di laboratorio e strumentali.
Cosa consiglia il dermatologo a chi è costretto a convivere con la psoriasi? Quali trattamenti e accorgimenti utili?
La psoriasi è una malattia cronica alla cui base esiste una predisposizione genetica che porta ad un'alterazione della risposta infiammatoria/immunitaria a livello cutaneo. Può avere diversi livelli di gravità e dunque di estensione, e le cure sono correlate a ciò. Per i gradi minori può essere sufficiente una corretta idratazione e protezione della funzione di barriera che assolve la cute, mentre per le forme molto estese si ricorre all’uso di farmaci biologici che costituiscono la risposta farmacologica più avanzata attualmente disponibile. Esistono poi delle cure naturali per la psoriasi (clima marino e cure termali) che possono essere sfruttate per migliorare il rendimento delle cure farmacologiche. Il paziente psoriasico deve accettare l’idea della cronicità della sua malattia e della necessità di dedicarle attenzioni costanti. La dieta mediterranea ha sicuramente un impatto favorevole, così come un indice di massa corporea BMI corretto: tradotto, mangiare in maniera sana ed equilibrata e mantenere il peso nella norma. Da sconsigliare gli abusi alimentari e l’alcool.
Parliamo di scrub o peeling fai-da-te per la pulizia del viso e la rimozione delle cellule morte: è un’abitudine dannosa o benefica per la pelle?
La pulizia del viso è una prassi che solo in parte può essere eseguita personalmente a casa, con un peeling fai-da-te. Il consiglio è quello di usare un detergente delicato, proseguire con l’esfoliazione e infine con l’idratazione: tutto ciò è alla portata di chiunque. Da qui in poi, però, occorre affidarsi ad uno specialista specialmente se la pulizia comprende la rimozione di lesioni ritenzionali come comedoni e microcisti. Lo specialista potrà effettuare un peeling, con livello di esfoliazione variabile, in base al tipo di di cute e all’esecuzione di trattamenti per l’idratazione profonda.
La sindrome della “lingua a carta geografica” è una condizione preoccupante? Perché si manifesta? Cosa fare?
La cosiddetta glossite migratoria benigna è un disturbo che non deve preoccupare. Alla base c’è un'alterazione della crescita e della differenziazione della mucosa delle papille linguali che può essere collegata a stati carenziali o all’assunzione di farmaci o ad alterazioni del microbioma della cavità orale. La cura consiste nel correggere queste alterazioni.
Parliamo di scottature: ci può fornire il vademecum per una medicazione senza errori?
Dopo una scottatura semplice che causi arrossamento è utile raffreddare la zona con quello che si ha a disposizione: acqua fredda in primis. È possibile anche utilizzare del ghiaccio, ma avendo l’accortezza di interporre un telo. Se invece la scottatura provoca un danno maggiore, con compromissione degli strati superficiali dell'epidermide, sarà necessario prevenire le complicazioni, come ad esempio una possibile infezione, e utilizzare sostanze con capacità rigenerative: da questo punto di vista ideale è l'acido ialuronico.
Vesciche: una pratica diffusa è quella di “bucarle” nella speranza di alleviare il dolore e il disagio. Ma è un’abitudine da evitare?
Le vesciche sono raccolte di materiale liquido e possono essere successive a diverse tipologie di “traumi”: fisici, chimici, biologici. Se per ridurre la loro dolorabiltà si decide di svuotarle è necessario praticare una piccola incisione alla base e successivamente con una leggera pressione far uscire il liquido contenuto. Non è consigliabile invece rimuovere il tetto della vescica, che deve rimanere a copertura del derma sottostante. Dopo lo svuotamento è necessario disinfettare e medicare fino a guarigione.
Le smagliature sono un fatto genetico o ereditario? Perché si formano? E soprattutto, come si possono eliminare?
La formazione di smagliature (striae distensae) è innanzitutto frutto di una predisposizione che può manifestarsi in corso di accrescimento della massa corporea, variazioni significative del peso, disturbi ormonali, stati carenziali, cure farmacologiche ecc. Il loro trattamento prevede la correzione di questi squilibri, laddove possibile. Successivamente il momento migliore per la cura è quando sono “rosse” e quindi in una fase in cui possono regredire. Quando diventano bianche purtroppo si possono correggere in maniera meno efficace. Esistono molte proposte terapeutiche per le smagliature. Tra queste, una terapia emergente è quella mediante laser di tipo vascolare o frazionato.
SHARE
FacebookTwitterLinkedInEmail

RICHIEDI UN APPUNTAMENTO PER DERMATOLOGIA